Digital innovation hub: l’innovazione digitale è il futuro

Alla base del processo di diffusione di Industry 4.0 in Italia ci sono i Digital Innovation Hub, sportelli di collaborazione fra ricerca e imprese

Il Piano Industria 4.0 ha dato vita a una rete infrastrutturale il cui obiettivo è quello di creare strette interazioni tra ricerca e impresa, formazione e lavoro, innovazione e territorio.

Digital innovation hub: l’innovazione digitale è il futuro

Il Piano Industria 4.0, lanciato per la prima volta dal MISE nel novembre 2015, ha inaugurato il progetto di una rete infrastrutturale digitale e innovativa, finalizzata a creare interazione tra ricerca e impresa e strettamente connessa con i Competence Center, ossia i poli di innovazione tecnologica costituiti nella forma di partenariato pubblico-privato da almeno un organismo di ricerca e da una o più imprese.

In questo scenario s’inseriscono i Digital Innovation Hub (DIH), servizi alle imprese volti a incentivare l’industrializzazione 4.0 e a mettere in rete i diversi attori appartenenti all’ecosistema dell’innovazione digitale. Una sinergia portata avanti rafforzando il rapporto tra ricerca e impresa e attraverso la simbiosi tra la formazione e il mondo del lavoro, sfruttando – inoltre – l’innovazione degli strumenti digitali e la presenza concreta sul territorio.

Mentre i Competence Center contribuiscono a formare l’Industria 4.0 attraverso l’implementazione di strumenti di robotica, realtà aumentata, Internet of Things e cybersecurity,  i Digital Innovation Hub costituiscono la vera e propria “porta” di accesso per le imprese al mondo di Industria 4.0 perché mettono a disposizione tutte le tecnologie necessarie. Un percorso di sviluppo che parte a livello regionale per poi investire quello nazionale ed europeo.  Difatti, in questa prospettiva i Digital Innovation Hub sono costituiti con pertinenza regionale o interregionale e al momento in Italia sono già 20, distribuiti tra Emilia Romagna, Friuli, Lazio, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Trentino Alto Adige e Veneto. Per la loro dimensione regionale o interregionale, i DIH non ricevono finanziamenti pubblici nazionali e possono contare esclusivamente sulla partecipazione di soggetti istituzionali come gli Enti locali e i potenziali finanziatori, quali banche, venture capitalist e fondazioni.

Nel giugno 2018, è stato predisposto un accordo tra la rete dei DIH e Confindustria. Confindustria si impegna a rappresentare la rete nelle sedi istituzionali competenti e i DIH, dal canto loro, assicurano una reciproca collaborazione nell’interesse della rete stessa al fine di condividere best practice, esperienze, conoscenze e competenze da mettere a servizio delle imprese. Per contribuire allo sviluppo del Piano nazionale Industria 4.0 del governo, è fondamentale, inoltre, l’intervento dei Pid (Punti impresa digitale), una rete fisica e virtuale finalizzata alla formazione di una rete territoriale che diffonda la cultura e la pratica del digitale nelle micro, piccole e medie imprese.

Insomma, lo sviluppo di questi Digital Innovation Hub rappresenta una vera e propria sfida per fornire nuovo slancio all’industria 4.0 e una straordinaria opportunità di crescita e sviluppo per le imprese – soprattutto quelle meno strutturate.

Per rinnovare e innovare anche tu il tuo business, affidati alle soluzioni digitali e avanzate di DiliTrust. DiliTrust Exec è il tuo supporto digitale per un’amministrazione più sicura e flessibile del CDA. Contattaci (https://dilitrust.com/it/contattaci/ ) per ricevere maggiori informazioni.

Selecting the Optimal Technology for Managing Contracts

Scopri perchè secondo Gartner “I responsabili degli applicativi aziendali hanno una sovrabbondanza di alternative per la gestione dei contratti. Scegliere
l’approccio sbagliato può
essere dannoso per gli
obiettivi di business”.

Consulta il report