" " Parità di genere: raggiungerla conviene - DiliTrust

Parità di genere: raggiungerla conviene

Come riconoscere che uomini e donne sono uguali anche in azienda

La parità di genere fa bene al business: in rete è pieno di articoli che lo dicono. Ma intanto le cifre dimostrano che la percentuale di donne nei consigli di amministrazione è bassa. C’è un trucco veloce per eliminare il gap di genere che esiste ancora: date incarichi alle donne e rafforzate i modelli di ruolo. Non dovrebbe essere difficile, no?

Gender parity - why is it so hard to reach?

Le donne che guidano le aziende ne accrescono il valore o portano vantaggi specifici. I numeri cambiano in base alla pubblicazione, così come i vantaggi che la parità di genere può apportare all’azienda. Ma il punto in comune è che una composizione equilibrata fra uomini e donne genera maggiori ricavi e diversità di pensiero.

In molti articoli già pubblicati, la composizione del board è considerata il trend del 2018 sulla governance aziendale. La diversità di pensiero è importante da incoraggiare in un’azienda, scegliere la parità di genere è anche una decisione etica.

Sì, la differenza di genere esiste – No, non ha niente a che fare con la competenza

Con la solita logica “pensa da manager, pensa da uomo” si perdono potenzialità e opportunità. Nella maggior parte dei Paesi del mondo, nelle università si laureano più donne che uomini, e questo vuol dire che le donne competenti sono più degli uomini. La presenza delle donne nei board è strettamente collegata ad una buona reputazione aziendale, secondo la Harvard Business Review.

L’aspetto difficile sembra quello di determinare come utilizzare la competenza femminile e quali sono gli elementi più importanti da valutare nella composizione di dirigenti ed executive.

Già nel 2012 la Harvard Business Review ha pubblicato un articolo sul perché i consigli di amministrazione hanno bisogno di più donne. Fattore chiave: le società con donne dirigenti gestiscono meglio il rischio e parlano più facilmente con gli azionisti. Oggi vale la stessa cosa, in questi sei anni non è cambiato niente.

Allora il problema qual è?

Nessun suggerimento del tipo “fai così e tutto andrà bene”. È una faccenda complessa, ma il minimo che serve per aumentare la parità di genere è dare potere alle donne in azienda e incoraggiarle a diventare leader. Sforzandosi di insegnare non solo agli uomini cosa occorre per essere un business executive, probabilmente il problema si risolverà da solo, in breve tempo.

È ora di ammettere che ci sono molte resistenze a concedere una giusta quota alle donne nel consiglio di amministrazione. D’altro canto, con la stagione delle deleghe in arrivo, quelli che dovrebbero spaventare i board sono gli azionisti con il loro fiorente attivismo. Dal prossimo mese, secondo Business Wire, se i board non avranno dirigenti donne i consulenti d’investimento Segal Marco Advisors voteranno contro i consigli di amministrazione candidati nelle società americane.

Probabilmente quello che deve cambiare è l’attuale mentalità della società: gli studi dimostrano che la gente ha una mentalità di parte, pesantemente influenzata da quello che succedeva nel passato, quando il boss era sempre un uomo. Ecco perché sono necessarie le quote per trasformare questa mentalità a favore delle generazioni future.

Per creare un cambiamento durevole, le aziende devono aumentare la leadership femminile. Non dovrebbe essere difficile, no? Ci vuole un impegno quotidiano per tutto quello che si vuol cambiare, non solo a parole ma anche preparando dei piani e attuandoli fino in fondo.

Ecco come le quote aiutano

Ovvia contro-argomentazione: non ci sono abbastanza donne leader con l’esperienza giusta, oppure le donne con l’esperienza che interessa ai board saranno soffocate dalle troppe incombenze.

Ma i compiti di un board continuano ad aumentare, e ci sarà spazio per un numero maggiore di posti nel consiglio di amministrazione. In questo caso, il percorso verso la parità di genere può trovare una strada per entrare in una ‘stanza dei bottoni’ differente.

Da qui può iniziare un circolo virtuoso per l’azienda. Secondo il World Economic Forum, le donne dirigenti assumono più donne dipendenti, e pagano le donne in posizioni elevate più di quello che farebbe un CEO maschio. Inoltre si interessano del miglioramento della situazione delle donne in azienda. In questo panorama lavorativo le donne possono far carriera e, per le leader più competenti, trovare posto nel board.

Il progresso è stato lento e costante, però da quando alcuni Paesi hanno reso obbligatorie le quote per legge, le cose vanno meglio. In alcuni Paesi europei la percentuale di donne fra i dirigenti di grandi società è aumentata di quattro/cinque volte dal 2007, secondo The Economist.

Oltre alle quote ci sono altri modi per portare più donne nei consigli di amministrazione come realizzare un piano di reclutamento dove si considerano prima le donne. E solo se nessuna candidata donna è adatta al ruolo, il board può prendere in considerazione i candidati maschi.

Non ci sono lati negativi nell’uguaglianza di genere, ma c’è un rilevante lato positivo: l’importanza etica di offrire uguali diritti e opportunità.

C’è ancora molta strada da fare

Con l’attenzione riservata a questo tema, è strano che i consigli di amministrazione restino immobili o procedano a passo di lumaca verso un miglioramento.

Secondo l’agenzia di controllo dei board Equilar, la parità di genere nei consigli di amministrazione in Canada sarà raggiunta nel 2048. Mancano ancora trent’anni. Ancora più allarmante, questo è uno dei numeri più bassi del mondo. Globalmente si parla di circa 100 anni per raggiungere l’uguaglianza nella forza lavoro. Allora perché la maggioranza delle società non ha un board paritario se la diversità di genere porta vantaggi?

Le ricerche hanno dimostrato che i maggiori vantaggi creati dalla diversità arrivano quando le donne rappresentano il 40/60% del consiglio di amministrazione. Ma i numeri sono deludenti. Secondo il World Economic Forum, gli unici settori dove una dirigenza aziendale femminile supera il 40% sono l’assistenza sanitaria, l’educazione e il non-profit.

Sembra strano dover rimarcare ancora i vantaggi che derivano da un board equilibrato, ma per rispondere a qualche dubbio ecco degli spunti.

 

Un consiglio di amministrazione paritario porta:

– diversità di pensiero

– comprensione equilibrata tra i gruppi di dipendenti

– modelli di ruolo per le nuove generazioni

– benefici strutturali in relazione agli azionisti attivisti

– una gestione del rischio più efficace e con un approccio differente

DiliTrust sostiene la parità di genere e a ogni consiglio di amministrazione, con qualsiasi composizione, offre un’efficace soluzione di gestione: DiliTrust Exec, il portale che elimina l’uso della carta e rende sicura la gestione di CDA e Comitati.