Smart working in Italia: qualcosa sta cambiando

Il lavoro si fa “agile” e diventa un valido strumento per garantire un buon equilibrio fra attività professionale e vita privata e per migliorare produttività, creatività e soddisfazione personale

La digitalizzazione del lavoro richiede non solo tecnologie ma anche modelli di business flessibili e organizzati, il cosiddetto smart working, una nuova modalità di approccio al mondo del lavoro, favorita anche dallo sviluppo informatico degli ultimi decenni.

Smart working in Italia: qualcosa sta cambiando

 

La tecnologia è in continua evoluzione e ogni giorno vengono progettate e applicate soluzioni atte a trasformare il lavoro e migliorarlo. Il progresso ha portato alla nascita di nuovi sistemi di lavorare, snelli e intelligenti, capaci di conciliare produttività, mobilità e flessibilità, garantendo una sostenibilità sia economica che ambientale. Parliamo dello smart working: un nuovo approccio utile per risolvere questioni come spostamenti di lavoro e, di conseguenza, i costi legati alla mobilità.

Anche in Italia negli ultimi anni si sta diffondendo il concetto di smart working sul modello americano – tanto che è stata formulata la Legge Lavoro Agile (Legge 81/2017), pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale nel maggio 2017 e pensata proprio al fine di regolarizzare questo nuovo approccio al mondo del lavoro. Il Decreto definisce lo Smart Working un accordo individuale e reversibile tra datore di lavoro e dipendente, nel quale si possono stabilire nuovi orari e luoghi per svolgere i propri task. Ma per essere effettivamente “smart”, il lavoro deve necessariamente avvalersi dell’uso della tecnologia. Grazie al cloud, alle soluzioni per la collaborazione da remoto e agli hardware mobile sempre più potenti e performanti, lavorare fuori dall’ufficio come tradizionalmente inteso è ora possibile. Appare, quindi, evidente che lo smart working sia la modalità di lavoro ideale per una società globalizzata, in continuo movimento e all’insegna della flessibilità.

L’ultima indagine trimestrale sul mondo del lavoro Randstad Workmonitor ha fornito un’analisi della panoramica italiana, rivelando quanto la forza lavoro apprezzi la modalità agile e lo ritenga un valido strumento di produttività e di equilibrio fra attività professionale e vita privata. Dall’indagine condotta in 33 paesi del mondo su un campione di 400 lavoratori di età compresa fra 18 e 65 anni, l’Italia figura come uno dei paesi più favorevoli all’adozione del lavoro “agile”: otto lavoratori italiani su dieci apprezzano lo smart working, quasi un dipendente su due afferma di avere già sperimentato forme di lavoro “intelligenti” e il 65% dichiara di essere impiegato in attività esclusivamente nell’orario d’ufficio. Particolarmente interessati al lavoro agile sono i più giovani, mentre particolarmente incerti sulla reale efficacia di questo modello flessibile sono le donne, più propense a stare in ufficio e meno inclini a considerare lo smart working un utile strumento per l’equilibrio tra lavoro e vita privata.

La sintesi della situazione italiana è dunque la seguente: a una crescente richiesta di flessibilità e autonomia professionale si contrappone la resistenza di una parte dei lavoratori e delle imprese, tuttora ancorate al modello di impiego tradizionale e di ufficio. Insomma, ancora una volta lo “scoglio” da superare in Italia è soprattutto la resistenza culturale, ma diversi sono i segnali che fanno ben sperare in vista di un processo di progressivo cambiamento.

DiliTrust offre soluzioni smart per il tuo business che garantiscono efficienza, flessibilità e condivisione in tempo reale e ovunque nel mondo. Scopri le nostre soluzioni oppure contattaci per ricevere maggiori informazioni.

Selecting the Optimal Technology for Managing Contracts

Scopri perchè secondo Gartner “I responsabili degli applicativi aziendali hanno una sovrabbondanza di alternative per la gestione dei contratti. Scegliere
l’approccio sbagliato può
essere dannoso per gli
obiettivi di business”.

Consulta il report