Enti non profit e regole di buona governance

Il movimento associativo occupa un posto di rilievo nella vita economica e sociale italiana. Secondo il più recente censimento effettuato dall’Istat (edizione 2022), le organizzazioni non profit attive sul territorio italiano ammontano a 362.634. Numerosi impiegati, volontari, amministratori e membri si mobilitano quotidianamente. Governare questi diversi attori richiede un sistema di gestione e controllo che sia efficiente ed empatico. DiliTrust fa luce su ciò che è necessario sapere sulla governance delle fondazioni e delle associazioni. 

Enti non profit: chi fa cosa?

Non siete soli a chiedervi quali siano le differenze tra i concetti di ONLUS, ONG, fondazione e associazione. Prima di affrontare la questione chiave del buon governo, è importante chiarire questo mito concettuale. 

In effetti, non è semplice la distinzione tra le varie categorie di enti non profit sia nel diritto italiano che nel diritto internazionale. 

In linea generale, come ben illustrato dalla piattaforma Italia non profit: 

  • L’Associazione è un ente non profit caratterizzato da struttura democratica, che riunisce persone accomunate da uno scopo comune di natura ideale. 
  • Fondazioni è un ente dotato di personalità giuridica privata regolato dal Codice Civile (salvo casi speciali) e basato su un patrimonio finalizzato a un preciso scopo lecito e di utilità sociale. 

ONLUS (L’Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale) e ONG (L’Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale) non sono un tipo di ente bensì una qualifica di tipo fiscale che può essere acquisita da ogni ente non profit che risponde ad alcune caratteristiche. 

Governance di associazioni e fondazioni: come definirla?

Come possiamo definire questo tipo di governance in termini concreti? Questa governance si basa su diversi elementi, e in particolare sulla buona qualità delle relazioni tra gli organismi coinvolti e le parti interessate alla decisione. 

 La governance permette di definire: 

  • La struttura; 
  • Metodi di lavoro; 
  • Il ruolo di ogni persona nel controllo del progetto; 
  • La strategia della fondazione, associazione o ONG; 
  • L’attuazione dei mezzi e delle azioni previste. 

Tale governance è infatti garante del rispetto degli impegni, dei valori e della trasparenza in ogni fase del processo. Assicura che ogni ente abbia i mezzi per raggiungere le sue ambizioni e che eserciti un controllo appropriato sugli obiettivi, pur agendo con tutte le parti. Non si tratta quindi di prendere decisioni da soli, ma di coinvolgere il più possibile il gruppo, per ottenere una consultazione collettiva. 

Come si può vedere, il buon governo delle associazioni e delle fondazioni promuove : 

  • L’impegno di tutti; 
  • Fiducia del pubblico; 
  • Lo sviluppo esponenziale del settore di destinazione

Buon governo di associazioni e fondazioni: quali sono gli interessi?

Ecco alcuni degli interessi per assicurare un buon governo in questo tipo di organizzazione: 

  • Per permettere la dinamica di un progetto che fa parte del collettivo; 
  • Realizzare il progetto con successo, in accordo con i valori dell’organizzazione; 
  • Rispettare gli impegni presi dalla fondazione in modo trasparente; 
  • Offrire un rapporto senza linee sfocate, per garantire allo stesso tempo una perfetta leggibilità; 
  • Garantire l’impegno di tutte le parti coinvolte nel progetto, in uno spirito di fiducia reciproca; 
  • Promuovere il pieno sviluppo dell’organizzazione nel tempo e del settore nel suo insieme.

Da questi diversi elementi, possiamo vedere rapidamente che il buon governo implica necessariamente la trasparenza, il rispetto dei valori di tutti e la fiducia. Senza questi elementi, c’è una buona probabilità che l’organizzazione non sia sostenibile. 

Governance della fondazione: rispetto dell’interesse generale e dell’utilità sociale

La sostenibilità dell’organizzazione implica il rispetto dell’utilità sociale e dell’interesse generale. Tuttavia, quest’ultimo punto è soggetto a cambiamenti, in particolare alla luce delle questioni economiche in gioco. 

L‘interesse generale non riguarda solo i politici, ma tutte le organizzazioni che condividono questa vocazione. Per quanto riguarda l’utilità sociale, si colloca in una dimensione perenne di formazione, solidarietà, educazione, azioni di ricerca e sviluppo, così come il rispetto dell’ambiente. Sono considerate socialmente utili anche le azioni che mirano a creare legami sociali promuovendo il comportamento civico e la responsabilità di ogni individuo nel proprio ambiente. 

La governance delle associazioni e l’importanza delle parti interessate 

Una caratteristica speciale del mondo non profit è che gli stakeholder non fanno sempre parte dell’organizzazione stessa. Infatti, alcuni donatori e volontari che danno il loro tempo non sono direttamente coinvolti nella gestione dell’organizzazione. Tuttavia, sono indispensabili perché senza di loro l’organizzazione non potrebbe funzionare. 

Lo stesso vale per tutti i beneficiari esterni delle azioni realizzate dalle associazioni, che beneficiano direttamente dei vantaggi di queste organizzazioni senza scopo di lucro. Questo è particolarmente il caso delle ONG umanitarie come la Croce Rossa o Medici senza frontiere. Così come le ONG di advocacy che difendono opinioni e cause come Greenpeace e Reporter senza frontiere. 

Associazioni e fondazioni: consigli per migliorare il funzionamento del consiglio 

Tra le raccomandazioni di governance ci sono quelle volte a migliorare il funzionamento del Consiglio: 

  • Decisioni prese collettivamente e dopo un dibattito; 
  • Menzione delle regole di buona condotta da rispettare in ogni processo decisionale, all’interno degli statuti e dei regolamenti interni; 
  • Riunioni regolari del Consiglio, con una frequenza soddisfacente per permettere a ciascuno di essi di svolgere correttamente i propri compiti, in particolare quelli di controllo e supervisione; 
  • Monitorare il coinvolgimento dei membri nel lavoro del Consiglio; 
  • Limitare il numero di cariche ricoperte, specialmente quando sono eccessive; 
  • Diversità dei membri del consiglio e nomina di persone esterne e qualificate, se del caso; 
  • Procedura di valutazione del buon funzionamento del Consiglio; 
  • Relazione annuale presentata dal Consiglio all’Assemblea Generale sul governo dell’organizzazione. 

Volete ottimizzare la gestione delle riunioni del vostro consiglio di amministrazione, associazione o fondazione e proteggere i vostri dati sensibili?